Malattie pappagalli

Dettagli

IL MIO PAPPAGALLO E' AMMALATO ?

 

 


In natura i pappagalli hanno una preoccupazione primaria: quella di proteggersi dai predatori. Un pappagallo ammalato o ferito diventa l’obiettivo principale per i predatori. A causa di questo, i pappagalli hanno imparato a “mascherare” le loro malattie. Quindi nel momento in cui il pappagallo realmente mostra un segno evidente di malattia o malessere, spesso è tardi per intervenire. Per questo è molto importante riconoscere i sintomi e i segni di una malattia prima che diventi seria e di conseguenza mortale. Spesso si sente parlare di pappagalli morti improvvisamente, del tutto inaspettato. I proprietari spesso non si accorgono o non hanno avuto idea che il loro pappagallo fosse malato. Tuttavia, una volta interrogati sui sintomi specifici, ammettono di essersi accorti di piccoli determinati cambiamenti, ma non hanno realizzato che erano segni di una malattia in decorso. E’ bene quindi osservare spesso e con molta attenzione le feci quotidiane del pappagallo in modo da poter riconoscerne quando il colore e la consistenza cambiano. Anche notare i cambiamenti nelle abitudini e nel carattere possono aiutare a prevenire eventuali morti.

 

Pappagallo malattie

 

Ecco alcuni cambiamenti che possono avvenire e si possono sovente notare nel pappagallo domestico : 

 

  • cambiamento comportamento; il pappagallo normalmente è indipendente e invece richiede molte più attenzioni oppure si scosta completamente da voi. Se un pappagallo molto vivace perde l’interesse al gioco e ai suoi giocattoli, il pappagallo è stanco, svogliato, gli occhi assumono uno sguardo differente. Il respiro e il movimenti diventano più lenti e pesanti.

  • cambiamento feci (normalmente verdi e bianche); feci improvvisamente nere, scure, acquose, o cambiano totalmente colore senza che vi sia stato nessun cambiamento nell’alimentazione. Bisogna ricordarsi che ogni cambiamento nell’alimentazione può notevolmente interessare il cambiamento di colori e densità delle feci, quindi dovreste conoscere generalmente come sono le feci del vostro pappagallo.

  • cambiamento fisico; colore piumaggio, narici otturate, zone senza piume, croste attorno narici, occhi e/o becco, diarrea, starnuti, rantolii, respiro faticoso. 

  • cambiamento attività; il pappagallo mentre dorme non alza e non gira la testa sotto l’ala come di consuetudine per dormire, sembra svogliato e stanco, è appoggiato con il petto contro il posatoio o sul fondo della gabbia.

Se il vostro volatile mostra i sintomi descritti precedentemente, è importante portarlo al più presto da un veterinario aviario. Poiché questi segni diventano evidenti generalmente solo dopo che il pappagallo è ammalato per un certo lasso di tempo, persino ritardare di un giorno potrebbe essergli fatale. Ogni pappagallo è esposto ad incidenti o malattie in qualunque momento. Il nostro consiglio non può che essere quello di portare il pappagallo al più presto da un veterinario aviario di fiducia, affinché faccia la diagnosi e prescriva il trattamento opportuno. Molte volte piccoli incidenti o ferite che inizialmente non sembrano essere nulla di grave, finiscono per avere risultati tragici, ed altre volte ferite che possono sembrare serie al punto di mettere in pericolo la vita del pappagallo, risultano essere curabili con una pomata. Non si possono descrivere tutti gli incidenti che un pappagallo potrebbe avere in casa poiché ve ne sono di ogni genere, quindi ci limiteremo a descrivere in grosso modo alcune situazioni tipo. Quando ad un pappagallo accade un incidente, il principale problema normalmente che lo accompagna è lo stress.

Per potere ridurre lo stress del pappagallo, dobbiamo conoscerne il carattere. Alcuni si rilassano i compagnia del padrone , altri se restano soli, quindi cerchiamo di tenere in considerazione la personalità del pappagallo, eviteremo cosi di agitarlo. Una volta calmato il pappagallo cercheremo di prepararlo, nel modo meno traumatico possibile, per il trasporto dal veterinario aviario. Le ossa degli uccelli sono vuote e rompendosi possono normalmente lasciando varie schegge e punte affilate che tagliano la carne con facilità.

Questa è la ragione per la quale la maggioranza delle fratture negli uccelli è scomposta con fuoriuscita dell'osso dalla carne. Questo tipo di ferita è molto grave, poiché il tessuto osseo degli uccelli muore molto rapidamente al contatto con l'aria, e anche se agiamo tempestivamente, è possibile che non si riesca più a riposizionare l'osso in modo corretto. Se le ferite colpiscono la pelle o la massa muscolare, il danno è meno grave perché gli uccelli in quelle parti hanno una capacità di rigenerazione sorprendente e inoltre abitualmente, essi non sono soggetti alle infezioni come in conseguenza di ferite, benché queste si possano a volte manifestare e ovviamente, bisogna sempre prendere le dovute precauzioni necessarie.

 

Quando il problema non viene da un incidente bensì da una malattia, le cose sono più complicate. Alcuni pappagalli sono autentici esperti nell'arte di nascondere i sintomi delle malattie e quando finalmente il padrone se ne accorge, spesso è troppo tardi. Molte volte, li troviamo morti sul fondo della gabbia senza avere notato nulla di particolare e effettuata l'autopsia rileviamo che stava soffrendo di una malattia da molto tempo, senza che noi avessimo notato nulla. Ed è proprio per questo, che le visite periodiche di controllo sono molto importanti nei pappagalli, la prevenzione è la cura più efficace.

 

Cerchiamo di descrivere i principali sintomi che possiamo osservare nel pappagallo che potrebbe essere malato:

 

  • Inattività: i pappagalli malati normalmente si mostrano poco attivi, dormono frequentemente durante il giorno con la testa messa tra le piume della schiena. 

  • Mancanza di appetito: la maggior parte delle malattie provocano la mancanza di appetito, in questo caso possiamo osservare il pappagallo che non tocca il cibo che gli è stato offerto.

  • Eccesso di appetito: alcuni malattie portano il pappagallo a mangiare tutta la giornata, e nonostante ciò, non aumenta ma perde peso.

  • Dimagrimento: molte malattie provocano una perdita importante di peso. Questo non è sempre facile da vedere poiché le piume dissimulano il dimagrimento. Per essere sicuri che il pappagallo è magro, quello che possiamo fare è palpare il petto. In un pappagallo sano, il petto dovrebbe essere arrotondato ed dovremmo appena notare lo sterno, l'osso del petto. Se il pappagallo è magro, noteremo lo sterno affilato e senza carne intorno.

  • Piumaggio arruffato: l' arruffamento del piumaggio è una reazione del pappagallo per mantenere la temperatura interna. Intricando le piume mantengono un materasso di aria che il proprio corpo scalda e li protegge dai cali di temperatura. Questo sintomo lo si può osservare quando fa molto freddo oppure quando il pappagallo si sente malato e deve mantenere la sua temperatura corporea.

  • Sguardo spento: è molto difficile descrivere questo sintomo e probabilmente passerà inosservato alla maggior parte dei proprietari che non hanno pratica. Il pappagallo sembra triste e gli occhi non sono completamente aperti ma leggermente chiusi

  • Diarrea: le feci dei pappagalli quando sono normali hanno una parte solida di colore verdognolo ed una parte liquida trasparente o bianca (urine). La quantità di un o un'altra parte, come la consistenza della parte solida, sono direttamente relazionate con l'alimentazione dell'uccello, quindi se il giorno prima abbiamo loro somministrato solo verdura e frutta è normale che la parte liquida sia maggiore della solida. Anche il colore viene condizionato dall'alimentazione, se mangiano semi è verdognolo, se mangia estrusi il colore è più sul beige, se mangiano pomodoro sono liquide e rosse e cosi via. Quando vediamo che le feci non presentano parti differenziate ma sono completamente liquide, anche se l'alimentazione e varia, ci troviamo davanti ad una diarrea. 

  • Muco e respiro affannoso: come gli umani, anche per i pappagalli alcune malattie fanno loro produrre una gran quantità di muco che sono espulsi per gli orifizi del naso e un respiro affannoso o rantolii. Tutti quelli che abbiamo descritto sono solamente sintomi e qualunque di essi può essere provocato da una gran quantità di patologie differenti.

 

Qualunque sia il sintomo qui descritto,dovrebbe spingerci ad uscire immediatamente per andare subito dal veterinario aviario, affinché egli possa diagnosticare la malattia in modo preciso e possa somministrargli la terapia più indicata.

   
© Tutte le informazioni contenute in questo sito sono a titolo indicativo e derivano dall'esperienza personale. Pappagalli.ch non è collegato ai siti e alle inserzioni recensite e non è responsabile del loro contenuto. Sito creato il 27.07.2000 WWW.PAPPAGALLI.CH- E' vietata la riproduzione, anche parziale, di queste pagine. La maggior parte delle foto utilizzate per le schede deriva dalla rete. Se avessimo erroneamente usato una foto protetta da copyright, ci scusiamo e la stessa verrà immediatamente rimossa su richiesta del proprietario.